"Festa della Donna re-code. Ricordati di te"


Buongiorno a tutte e buon inizio settimana,
in occasione della Festa della Donna sono stata coinvolta in una bellissima iniziativa promossa da Zuccari. 
L'iniziativa si chiama proprio "Festa della Donna re-code. Ricordati di te", ed è rivolta a noi donne e mamme che ogni tanto devono pensare anche a loro stesse, al proprio corpo e al benessere.



“Il mio corpo che cambia nella forma e nel colore è in trasformazione…”
canta Piero Pelù e a me viene in mente il corpo di una futura mamma, che piano piano si modifica e si trasforma, si rimodella, per far spazio al piccolo che vi cresce dentro. Così i fianchi si allargano, la pancia cresce, il peso aumenta, la pelle si tende, le caviglie si gonfiano, il seno aumenta di taglia… e una donna si guarda allo specchio chiedendosi se è ancora la stessa.

Dopo tre anni dalla nascita della mia bimba sono qui con meno chili di prima ma un corpo diverso. E pensavo a come mi sento ogni volta che mi spoglio e un po' non mi riconosco, a come sono cambiata, a come potrei migliorare ma anche a come in fondo in fondo la natura sia crudele, con noi donne. Penso al disagio in spiaggia per la mia pancia non proprio piatta, alle smagliature della pelle e a tutte quelle cose che di solito tengo nascoste sotto le magliette. Guardando alcune foto mi chiedo perché me ne vergogno, magari buona parte di voi sta pensando la stessa cosa. Voi vi vergognate? Perché? Io credo perché non sono capace a reggere i confronti, mi sconforta l'idea di ritrovarmi in spiaggia con una altra mamma dal fisico perfetto. Perché mi vengono i sensi di colpa per tutte le volte che ho saltato la crema dopo la doccia, per tutte le volte che ho cominciato una dieta e non sono mai riuscita a portarla avanti. Perché non mi sfiora minimamente l'idea di andare in palestra e sogno di svegliarmi una mattina con la pancia piatta e il culo di marmo. Anche perché tra lavoro, bimba, casa e famiglia non so proprio dove trovare il tempo materiale per andarci.
Dopo i primi dieci minuti di auto-mortificazione, per fortuna però mi passa, mi rendo conto che sono così, non sarò perfetta ma oramai è andata, avrò pure un budino al posto della pancia, ma anche una bimba bellissima che gioca a tirarsi la sabbia in faccia (o sulla mia di faccia ^_^). Che magari non tornerò mai ad avere il seno di 4 anni fa ma che anche per quelle come me hanno inventato il push-up. 
Allora continuo a guardarmi allo specchio rincuorandomi sul fatto che sono imperfettamente normale!!!


Post popolari in questo blog

Shopping online su Manzara Fashion

Alubox cassette postali speciali

Mirililli e Le Mele Rubate